lunedì 7 novembre 2011

Anche la contessa Serbelloni Viendalmare passa all’Udc - Francesca Fornario su L'Unità


Nel quartier generale del Pdl: «Alessio Bonciani e Ida D’Ippolito». «Chi?». «Bonciani». «Quello basso, pelato?». «Boh». «Non è quello con i capelli rossi, che ordina sempre il cappuccino con poca schiuma?». «E poi ci sono Antonione, Destro e Pittelli...». 
«Mai sentiti». «Alle elementari io avevo un Pittelli. Cosimo». «No, questo si chiama Gianfranco». «Qui c’è scritto Giancarlo». «Allora Giancarlo». «Qui dove?». «Sulla lettera degli scontenti del Pdl». «L’altra sera, all’uscita della riunione dei frondisti, Stracquadanio ha spaccato una telecamera lanciandola in strada». «Alemanno ha vietato per un mese le riunioni dei frondisti». «E la russa che ha dato dello stronzo a Claudio Amendola?». 
«Ho visto. I Vanzina hanno chiesto i diritti alla Siae». «In Francia c’è stato un attentato alla sede di Charlie Hebdo, il giornale che fa ridere i francesi». «È stato Ferrara?». «E hai letto di quel ministro giapponese che ha bevuto l’acqua del fiume di Fukushima?». «Si è sentito male per le radiazioni?». «No, sta bene». «E hai letto di quel ministro italiano che ha bevuto l’acqua del Po e gli sono venute le allucinazioni? Vede la padania! Ahahahaha!!». 
«Vi sembra il momento di scherzare? Pensate a riallacciare il dialogo con Amerigo Porfidia, Elio Belcastro e Arturo Iannaccone». «E chi li conosce!». «Sono i tre parlamentari di Popolo e Territorio». «Di che?!». 
«Gli ex responsabili. Potrebbero non votare la fiducia, proprio come Pippo Gianni». «Pure Pippo ci volta le spalle?». «Pare di sì». «Maledetto, mi verrebbe da spaccargli la faccia. Se solo sapessi che faccia ha». «Bei tempi quando a far cadere le maggioranze erano i Bossi e i Bertinotti». 
«Almeno avevano un nome, mica come la Contessa Serbelloni Mazzanti Viendalmare». «Pure la contessa passa all’Udc?». «No, è un nome inventato, era per dire». «Ah. M’hai fatto prendere un colpo».

Nessun commento: