giovedì 8 marzo 2012

Piccolo contributo alla "spending review" - Tito Boeri su Lavoce.info

Da anni si parla di spending review, di analisi minuziosa di ogni capitolo di spesa, volta ad accertare e rimuovere sprechi di denaro pubblico, ma sin qui nulla è dato sapere sulle modalità e sui primi esiti di questo processo. Dovrebbe riguardare non solo l'amministrazione centrale dello Stato, ma anche le amministrazioni pubbliche soggette alla vigilanza dei ministeri. Il principio dovrebbe essere quello di identificare spese che non contribuiscono a raggiungere gli obiettivi che sono stati affidati alle diverse amministrazioni o che li raggiungono solo a fronte di spese molto più alte del necessario. La legge che istituisce le spending review richiede espressamente il contributo dei cittadini e degli esperti nell'identificare questi sprechi. Ecco allora un nostro primo modesto contributo. 
Girando tra i siti delle amministrazioni pubbliche abbiamo trovato all'indirizzo un "programma di sostegno a progetti sperimentali ed innovativi" della Civit, la Commissione di valutazione della pubblica amministrazione istituita dal ministro Brunetta e affidata ad Antonio Martone. Il costo del programma è di 4,3 milioni di euro. La Civit, come recita il suo stesso nome, ha come finalità istituzionale quella di garantire la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche. 
Non sappiamo chi abbia valutato questo progetto prima di approvarlo. Sappiamo solo che stanzia 800.000 euro per realizzare il "portale della trasparenza", 470.000 euro per "l'individuazione di metodologie di misurazione e valutazione adottate dalle pubbliche amministrazioni", 400.000 euro per la "ricognizione degli strumenti di programmazione, controllo e rendicontazione della performance", 400.000 euro per "la sperimentazione di un progetto per la misurazione e valutazione dell'apporto di ciascuno all'outcome", e così via, con una serie di sottoprogetti che essenzialmente ripetono tutti la stessa cosa ma spezzano i 4,3 milioni in
importi più piccoli.
Qualcosa ci sfugge. Non sono proprio questi i compiti istituzionali della Civit? E allora perché è necessario valutarli sperimentalmente impegnando una mole così ingente di risorse? Dato che questo progetto prevede anche "lo snellimento dei processi organizzativi al fine di ridurne gli sprechi", vogliamo noi fornire il nostro "apporto all'outcome": aboliamo questo progetto. E ragioniamo sul significato di un organismo come la Civit che costa ogni anno 8 milioni di euro alle casse dello Stato per sperimentare come valutare sperimentalmente la valutazione. Di se stessa.

Nessun commento: